Cessione del quinto normativa in caso di licenziamento

Cessione del quinto normativa in caso di licenziamento: come funziona il finanziamento

La fortuna della cessione del quinto deriva della modalità di rimborso del finanziamento, che riduce il rischio insolvenza e consente quindi l’accesso al credito anche ai cosiddetti “cattivi pagatori” (chi ha pagato in ritardo, o affatto, le rate di un prestito).

È applicato un tasso fisso e la liquidità può essere spesa per qualunque esigenza. La principale garanzia di rimborso per l’istituto bancario è il lavoro, o meglio lo stipendio. Perché? È un prodotto finanziario che prevede la trattenuta diretta della rata, detratta dallo stipendio dal datore di lavoro, il quale si incarica di fornirla all’ente erogatore.

L’ammontare della rata mensile, come lascia intendere la denominazione del prestito, non può eccedere il 20% dello stipendio (o pensione) netto del beneficiario.

Cessione del quinto normativa in caso di licenziamento: rischi

La principale garanzia di rimborso è lo stipendio, ma cosa accade se il lavoratore viene licenziato? Dal punto di vista pratico sono due gli scenari: fine del rapporto lavorativo per licenziamento del dipendente o fallimento dell’impresa.

Il datore di lavoro dovrà trattenere qualunque somma maturata dal lavoratore, questa sarà fornita all’ente erogatore, così da ridurre se non estinguere completamente il debito contratto.

Confronta gratis i migliori prestiti online

Più preventivi richiedi e maggiori possibilità avari di trovare il miglior prestito tramite cessione del quinto dello stipendio. Fra l'altro l'esito della fattibilità ti verrà dato in pochi minuti e l'erogazione in 48 ore, se confermerai il tutto.
Provare non costa nulla perchè il preventivo per il calcolo della rata del finanziamento è GRATUITO e SENZA IMPEGNO.

>>> Preventivo gratis e senza impegno: calcola la tua rata <<<

Quando il dipendente sottoscrive il contratto di cessione del quinto, vincola infatti il Tfr maturato a favore della banca o finanziaria coinvolta. Non solo. È prevista l’attivazione di polizze assicurative che intervengono nell’eventualità di insolvenza o morte del cliente.

Cessione del quinto normativa in caso di licenziamento: soluzioni

Dopo il licenziamento, un rappresentate della banca contatterà il debitore per definire la continuazione del piano di rimborso (a condizione chiaramente che il Tfr sia inferiore al debito). Qualora il lavoratore trovi una nuova occupazione, il contratto di prestito è rinotificato al nuovo datore di lavoro. Prosegue quindi il processo di trattenuta alla fonte della rata.

In caso alternativo, ovvero in mancanza di una nuova occupazione, il rappresentate dell’istituto bancario andrà ad accordarsi con il cliente per un rimborso basato su bollettini postali o RID bancario.

Qualora si determini l’insolvenza, la società assicuratrice si occupa di saldare il debito residuo alla banca, ma conserva il diritto di rivalsa nei confronti del lavoratore.

Dobbiamo infine rilevare che per i dipendenti pubblici il trattamento di fine servizio (TFS), anche nell’ipotesi di insoluto, non è intaccato. Mentre per i dipendenti privati la cessione del quinto vincola TFR, ferie non godute, buonuscita, ultimo stipendio.

Per un confronto tra le offerte di cessione del quinto più convenienti, visita la sezione dedicata del nostro portale.

 

Cessione del Quinto dello stipendio - Domande e Consigli

Prestiti Cessione del Quinto 2017: ricorsi in continuo aumento Il numero dei ricorsi presentato dai clienti all’Arbitro bancario finanziario (Abf) della Banca d’Italia è in continuo aumento. L'obiettivo è cercare di risolvere alcune controversie con la propria banca. Tra il 2015 e il 2016 la percentuale dei correntisti che hanno scelto di percorrere questa strada è aumentato del +60%. Si tratta di un fenome...
Rinnovo cessione del quinto: come ottenerlo? Quali sono i vincoli? Cessione del quinto: la questione del rinnovo Una delle questioni che ruota attorno alla cessione del quinto è il rinnovo. Sono in tanti a chiedersi: è possibile rinnovo cessione del quinto? Rispondere non è semplice, dal momento che siamo di fronte all’ennesimo caso nel quale il legislatore ha varato una normativa ma, allo stesso tempo, ha posto ...
Cessione volontaria del quinto e pignoramento Cosa sono cessione volontaria del quinto e pignoramento presso terzi La cessione volontaria del quinto è una particolare forma di prestito personale, che consente di accedere al credito garantendo la somma con la presenza di un reddito da lavoro fisso, ossia di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o una pensione. Ogni mese al richiedente v...
Cessione del quinto per dipendenti: procedure per ottenerla Cessione del quinto per dipendenti 2015: come funziona Grazie alla cessione del quinto per dipendenti si realizza un accesso al credito, disponibile anche per quanti figurano nella categoria dei cattivi pagatori, basato su un piano di rimborso con addebito diretto della rata su stipendio del richiedente. Si tratta di un prodotto finanziario con...
Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento Cessione del quinto: i rischi La cessione del quinto è una formula di accesso al credito che riesce a coniugare sia le necessità del debitore che quelle dell’ente erogatore. Consente al primo di non preoccuparsi del pagamento della rata, dal momento che questo avviene in automatico, e favorisce la fruizione del finanziamento anche nei casi più par...

 

Maggiori informazioni qui:
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: