Cessione del Quinto Inpdap 2017: tassi e agevolazioni

Cessione del quinto INPDAP 2017: come funziona?

I finanziamenti con cessione del quinto INPDAP 2017 sono dei prestiti a tasso fisso erogati per i dipendenti pubblici e per i pensionati in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Come sottolinea il nome, questi finanziamenti vengono stipulati attraverso la trattenuta di un quinto dello stipendio o della pensione mensile. Il quinto corrisponde al 20 % della busta paga e viene calcolato al netto delle ritenute fiscali.

In particolare, il finanziamento con cessione del quinto viene erogato direttamente dall'INPS (che dal primo Gennaio 2012 ha incorporato l'INPDAP) o può essere ottenuto tramite banche o società di credito che hanno stipulato una convenzione con l'ente previdenziale.

Le formule di finanziamento offerte dall'ex INPDAP sono molto vantaggiose e vengono costantemente aggiornate per favorire l'accesso al credito dei dipendenti pubblici e dei pensionati.

Cessione del quinto INPDAP 2017: tutte le novità

Anche per l'anno 2017 sono state introdotte importanti novità nel campo dei prestiti con cessione del quinto INPDAP: l'introduzione dei piccoli prestiti quadriennali e i prestiti pluriennali per l'acquisto di una casa di un figlio.

La più importante novità riguarda la possibilità di sospendere o rinegoziare il contatto di mutuo o prestito. Questa nuova opzione introdotta con la determinazione presidenziale n.43 del 30 marzo 2016 cerca di agevolare quei dipendenti/pensionati che hanno visto cambiare la propria situazione economica nel corso degli anni.

La cessione del quinto INPDAP 2017, pur non modificando la sostanziale disciplina dei prestiti personali con cessione del quinto, cerca costantemente di offrire finanziamenti vantaggiosi e con tassi di interesse bassi per aumentare l'accesso al credito di pensionati e dipendenti pubblici.

I piccoli prestiti INPS 2017

Per chi vuole ottenere un piccolo prestito con la formula della cessione del quinto dello stipendio, a partire dall'anno 2017 può richiedere un micro finanziamento di durata non superiore ai 4 anni. Il Piccolo Prestito INPS è lo strumento ideale per chi vuole ottenere un finanziamento di piccola entità da estinguere in pochi anni. L'ammontare della richiesta di prestito viene stabilita in base allo stipendio percepito dal dipendente pubblico.

Confronta gratis i migliori prestiti online

Più preventivi richiedi e maggiori possibilità avari di trovare il miglior prestito tramite cessione del quinto dello stipendio. Fra l'altro l'esito della fattibilità ti verrà dato in pochi minuti e l'erogazione in 48 ore, se confermerai il tutto.
Provare non costa nulla perchè il preventivo per il calcolo della rata del finanziamento è GRATUITO e SENZA IMPEGNO.

>>> Preventivo gratis e senza impegno: calcola la tua rata <<<

Il micro prestito può essere richiesto per la singola mensilità o per due, tre o quattro, in base alla richiesta il rimborso del prestito verrà estinto in 12, 24, 36 o 48 rate. Questa tipologia di prestito può essere anche richiesta con doppia mensilità, solo nel caso che il richiedente non abbia altre trattenute in corso sullo stipendio o sulla pensione.

Il Piccolo Prestito ex INPDAP 2017 è rivolto a tre categorie ben individuate di soggetti: dipendenti pubblici, iscritti al Fondo della Gestione magistrale, dipendenti del gruppo Poste Italiane.

Per accedere al Piccolo Prestito per i dipendenti pubblici, bisogna essere iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali o Fondo Credito e presentare la domanda online attraverso un modulo fornito dall'INPS. Generalmente tutti di dipendenti sono iscritti al Fondo Credito. Mentre per i pensionati pubblici è importante aver aderito al Fondo al momento della domanda pensionamento.

Per coloro che sono iscritti al fondo speciale di Gestione Magistrale (ex Enam) non è necessario essere dipendenti pubblici, ma essere in servizio oppure a non meno di due anni dal pensionamento. Per questa categoria la richiesta di prestito non può essere superiore alle due mensilità di stipendio.

L'ultima categoria che può richiedere il Piccolo Prestito INPS 2017 presuppone un rapporto di lavoro con il Gruppo di Poste Italiane. Per questa particolare tipologia di cessione del quinto INPDAP 2017, è stato stabilito un tasso annuo effettivo del 4,50%, il TAEG si attesta al 4,76%, mentre le spese amministrative connesse al finanziamento sono dello 0,50 %.

I prestiti pluriennali di cessione del quinto INPDAP 2017

Anche per il 2017, l'INPS ha previsto dei tassi di interesse e dei costi di gestione della pratica di finanziamento davvero molto competitivi e vantaggiosi per i prestiti pluriennali. I prestiti pluriennali di cessione del quinto INPDAP 2017, sono dei finanziamenti a tasso agevolato rivolti ai dipendenti o ai pensionati pubblici iscritti al Fondo di Credito.

Il prestito pluriennale può avere una durata contrattuale di 5 anni da estinguersi in 60 rate mensili oppure di 10 anni con l'estinzione in 120 rate mensili. Come per tutti i prestiti INPDAP il prelievo non può superare un quinto della busta paga al netto delle ritenute fiscali.

Per il Prestito Pluriennale 2017, l'ente ha previsto un TAEG al 3,5 %, un tasso di interesse effettivo annuo al 3,50% e per le spese amministrative della gestione della pratica si è stabilito un esborso pari allo 0,50%. Per richiedere il finanziamento pluriennale bisogna compilare un apposito modulo se si è ancora in attività, mentre per chi è pensionato bisogna richiedere il prestito presso l'INPS di zona.

 

Cessione del Quinto dello stipendio - Domande e Consigli

Cessione del quinto dipendenti pubblici Inpdap La cessione del quinto è una forma di prestito che presenta numerosi vantaggi rispetto alle altre proposte,come ad esempio rispetto al prestito pluriennale INPDAP. La cessione del quinto è un prestito non finalizzato , ovvero un prestito in cui non bisogna dichiarare in che modo verrà utilizzato il denaro acquisito dal suddetto. IL debito verrà poi...
Cessione del quinto 2017: l’Inps recede dalle convenzioni con le banche Cessione del quinto 2017: la recessione dell'Inps Da qualche giorno l'Inps, l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, ha comunicato il recesso dalle convenzioni con le banche e le finanziarie stipulate per la cessione del quinto dello stipendio e della pensione. Il decreto numero DT24126 emanato il 27 marzo 2017 dal Ministero dell'Economia...
Si può ottenere la Cessione del Quinto Senza TFR? Il prestito con cessione del quinto dello stipendio o della pensione è la soluzione ideale per i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. Si tratta di una soluzione creditizia che fa riferimento sulla garanzia offerta dalla presenza di un contratto di lavoro sicuro e di una certa retribuzione che permetta di cedere un quinto del compenso all...
Cessione del Quinto della Pensione: tassi e vantaggi del prestito per pensionati Non è detto che solo i più giovani o le coppie under 35 in procinto di acquistare la prima casa, necessitino di un prestito. Spesso, anche i cittadini più adulti e già in pensione possono aver bisogno di una certa somma di denaro per comprare l'auto desiderata, organizzare il viaggio sognato da una vita o per sostenere le imminenti nozze della prim...
Prestito cessione del quinto Agos: ecco come funziona Il prestito contro cessione del quinto è una formula di accesso al credito al consumo che prevede la decurtazione a titolo di rimborso della quinta parte dello stipendio mensile o della pensione. Il prestito cessione del quinto Agos rappresenta una delle tante opzioni utili al proposito. Cessione del quinto Agos: cosa prevede? Cosa prevede il pre...

 

Maggiori informazioni qui: , ,
Ti è piaciuto l'articolo? Sei rimasto soddisfatto? Aiutaci a far crescere il portale clicca qui: